benvenuti in Vaccinazioni, lo Stato ne richiede 4 ma ne impone 6: ed è scontro sull'esavalente

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

Vaccinazioni, lo Stato ne richiede 4 ma ne impone 6: ed è scontro sull'esavalente

ilfattoquotidiano.it - L'obbligo di legge per i neonati riguarda difterite, tetano, poliomelite, epatite b. Ma nella dose più diffusa ci sono gli antigeni per altre due malattie infettive.

Leggiamo su ilfattoquotidiano.it

"L'obbligo di legge per i neonati riguarda difterite, tetano, poliomelite, epatite b. Ma nella dose più diffusa (spesso l'unica disponibile) ci sono gli antigeni per altre due malattie infettive. Istituto superiore di Sanità: "Copertura ottimale e nessun rischio provato, il vero scandalo è contrarre virus perché si rifiuta il vaccino". Esiste infatti il "dissenso informato". Medicina alternativa: "Protezione non garantita. E ci sono casi in cui ha portato alla morte". Esposto Codacons alla Corte dei conti: "Spreco di soldi pubblici"

Riferimento

L'articolo originale alla pagina: 

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/07/04/vaccinazioni-stato-ne-richiede-4-ma-ne-impone-6-esavalente-costoso-e-dannoso/283069/

 

10/7/2012

10/7/2012

Articoli che potrebbero interessarti

Troppi esami radiologi a bimbi, 4mln l'anno ma spesso inutili
ansa.it - Troppi esami radiologici ai bambini, e non sempre necessari: sono circa 4 milioni ogni anno le indagine diagnostiche di questo tipo effettuate.
Sprechi nella Sanità, 94 auto blu per ogni Asl
tgcom24.mediaset.it - Secondo un dossier del Formez sono oltre 9.700 le vetture che continuano a riempire i garage delle aziende sanitarie.
Italiani: un popolo di navigatori (web) e (tele)dipendenti: a dirlo è ufficialmente il Censis
tech.fanpage.it - Più della metà della popolazione italiana è su Internet (53,1%), i quotidiani tradizionali perdono il 7% dei lettori tra il 2009 e il 2011.
Decreto Balduzzi
asca.it - Il decreto Balduzzi contiene idee sostanzialmente accettabili per la pediatria di famiglia, ma restano alcune forti preoccupazioni.

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.