benvenuti in Farmaci: Farmindustria, Aifa riveda richiesta ripiano pay-back 17 mln

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

Farmaci: Farmindustria, Aifa riveda richiesta ripiano pay-back 17 mln

salute.asca.it - E' quanto riferisce in una nota Farmindustria, sottolineando come si tratti di un ripiano che pesa per 17 milioni di euro sulle imprese e che premia proprio le regioni 'non virtuose'.

 Leggiamo su "salute.asca.it"

''In questi giorni l'Agenzia Italiana del Farmaco ha inviato alle imprese del farmaco le richieste di pagamento del pay back per lo sfondamento del tetto di spesa farmaceutica territoriale del 2010, che comprende impropriamente anche la quota pagata volontariamente dai cittadini per scegliere il farmaco di marca''.
E' quanto riferisce in una nota Farmindustria, sottolineando come si tratti di ''un ripiano che pesa per 17 milioni di euro sulle imprese e che premia proprio le regioni 'non virtuose'''.
Una richiesta che Farmindustria definisce ''sconcertante'', perche' ''inviata con oltre un anno di ritardo rispetto alla chiusura dei bilanci aziendali e nonostante la Corte dei Conti avesse comunicato nel Rendiconto Generale dello Stato, a fine giugno 2011, il rispetto del tetto per il 2010.
E sulla quale - aggiunge - permangono forti incertezze relativamente ai dati che hanno determinato questo risultato.
Fattori di conoscenza assolutamente fondamentali per le singole aziende, che devono essere poste in condizione di verificare l'importo di loro competenza.
Aifa chiede poi che le aziende dichiarino formalmente la loro totale adesione, senza avere tutti gli elementi a disposizione. E cio' e' inaccettabile'', sottolinea Farmindustria sottolineando che ''questo onere inoltre e' fuori tempo massimo, perche' non tiene conto neanche delle scadenze normative previste per la verifica sullo sfondamento della spesa (L. 222/2007).
Un sistema davvero ingestibile per le aziende sia a capitale nazionale sia a capitale estero. L'industria farmaceutica ha infatti bisogno di certezze per pianificare attivita' che richiedono investimenti ingentissimi e tempi lunghi sia per lo sviluppo di un farmaco, sia per la realizzazione degli impianti di produzione hi-tech.

Riferimento

Leggi l'articolo originale alla pagina:

http://salute.asca.it/internoCopertina-Salute-Farmaci__Farmindustria__Aifa_riveda_richiesta_ripiano_pay_back_17_mln-1123994-1.html

14/2/2012

14/2/2012

Articoli che potrebbero interessarti

Pediatria ospedaliera, SIPO: occorre ripensare il sistema
contattonews.it - I recenti tragici fatti di cronaca impongono alla politica l’onere di ripensare al sistema dell’emergenza urgenza in pediatria.
Pediatri: "a Chieti nessuno sforamento"
primadanoi.it - Abruzzo. Sui costi della pediatria intervengono i medici.
Pediatri Bambino Gesù: troppo zucchero danneggia fegato bambini
askanews.it - La conferma scientifica arriva da uno studio dei ricercatori dell'area di Malattie epato-metaboliche dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù.
I disturbi del sonno per 1 bimbo su 4 sotto i 3 anni
focus.it - Circa il 20-25% dei bambini da zero a 3 anni d'età, nei Paesi occidentali, presenta disturbi del sonno. Una percentuale che sembra in aumento.

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.