benvenuti in Cliniche del Sale. I pediatri:

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

Cliniche del Sale. I pediatri: "Solo business?"

quotidianosanita.it - "Il principio è accattivante ma la sua efficacia è smentita dai fatti". Ma c'è chi la pensa diversamente.

Leggiamo su "quotidianosanita.it"

"Il concetto di base di queste camere, completamente rivestite di sale marino è che al loro interno si riproduce l'effetto dell'aerosol marino e delle miniere di salgemma. Un concetto accattivante, ma smentito dai fatti''. Il motivo infatti per cui molti bambini con asma e infezioni in città stanno meglio al mare è perché ''non stanno a contatto con i loro coetanei ammalati come quando vanno all'asilo in città, sono meno esposti a sostanze inquinanti, e hanno abitudini di vita più idonee a un bambino. L'aerosol marino non ha invece alcun ruolo, tanto è vero che i bambini che vivono stabilmente al mare hanno la stessa frequenza di asma e infezioni respiratorie di quelli che vivono in citta'''.
Eppure, è proprio di qualche giorno fa la notizia dell'avvio di una sperimentazione nel reparto di Otorinolaringoiatria del Policlinico Universitario di Bari, che utilizzerà la camera del sale per trattare anche l’ipertrofia adenotonsillare subostruente, una patologia che colpisce prevalentemente i bambini tra i 3 e i 10 anni e che consiste in un rigonfiamento nelle adenoidi, a seguito di un’infiammazione alle tonsille. Secondo i ricercatori, i bambini che respirano le particelle di sale e di iodio diffuse tramite un sistema di aerosol marino, in una seduta di appena 30 minuti, godranno degli stessi benefici di 3 giorni al mare. La ricerca avrà il fine di dimostrare la bontà di questo elemento naturale purificato e anche di fornire letteratura in materia. Per lo stesso motivo anche l’Istituto Scientifico Universitario San Raffaele di Milano sta per avviare un trial clinico simile, che riguarderà però i pazienti che soffrono di psoriasi."
 

Riferimento

Leggi l'articolo originale alla pagina:

http://www.quotidianosanita.it/cronache/articolo.php?articolo_id=7429

14/2/2012

14/2/2012

Articoli che potrebbero interessarti

Cyberbullismo si combatte a scuola e a casa
asca.it - Il bullismo sta assumendo caratteristiche diverse, legate alla sempre più massiccia diffusione delle nuove tecnologie, sfociando nel cyberbullismo.
Psicofarmaci a 20mila bimbi italiani, un manuale per buon uso
ansa.it - L'uso dei farmaci in generale, e soprattutto degli psicofarmaci, durante la crescita dovrebbe essere oculato e appropriato - spiegano dal Mario Negri.
Sicilia. Ricetta elettronica. I pediatri: "Regione rispetti gli accordi"
quotidianosanita.it - La Fimp Sicilia si dice pronta disobbedire al decreto che prevede l'obbligo della ricetta elettronica.
Incredibile storia nella puntata del 2 aprile de “Le Iene”
melty.it - Mauro Casciari ha raccontato la storia di un pediatra che ha querelato chi ha fatto commenti su di lui nel web.

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.