benvenuti in Zone carenti di pediatria in Sicilia  - La FIMP Sicilia fa ricorso contro se stessa

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

Zone carenti di pediatria in Sicilia - La FIMP Sicilia fa ricorso contro se stessa

pediatri.eu - La FIMP Sicilia firma il contratto regionale per queste zone carenti - del tutto sconclusionate , molte inutili - pubblicate in gazzetta venerdi 16-12-11.

Leggiamo su "pediatri.eu"

"La FIMP Sicilia firma il contratto regionale per queste zone carenti  - del tutto sconclusionate, molte inutili e qualcuna si  dice in odor di favoritismo mirato - che sono state pubblicate in gazzetta venerdi' 16-12-11.
Ma sapete quale e' il paradosso:
Meta' della  FIMP Sicilia stessa li impugna contro se stessa e contro la sua stessa firma al contratto  .
Pirandello non sarebbe riuscito a fare di meglio .
La farsa e' sotto gli occhi di tutti, in altri tempi ci avremmo riso anche sopra ma oggi dobbiamo dire : non ci resta che piangere .
I FIMPINI in attesa di capire con queale FIMP stare, dovrebbero almeno capire che tipo di dirigenti si ritrovano e di che pasta sono fatti.
Dopo aver perso di tasca singolarmente almeno 100.000 (centomila euro ) - solo qualcuno , e ben noto,  prendera' qualcosa - nessuno prendera' neanche il benche' minimo aumento reale . E sulle  fittizie zone carenti la farsa e' di scena : firmo e faccio ricorso contro la mia stessa firma .Il massimo del minimo . Gente seria si sarebbe almeno dimessa per protesta ed invece tutti li. La terra di Pirandello stupisce sempre. Unica notizia degna di interesse che  : Tutte le zone carenti  andranno in  assegnazione prima e tutte  ai trasferiementi  e solo se rimarranno zone carenti libere , verranno assegnate  successivamente."

Riferimento

Leggi l'articolo originale alla pagina:

http://www.pediatri.eu/archivio-news/item/241-zone-carenti-di-pediatria-di-famiglia-in-sicilia-pubblicati-in-gazzetta-i-36-posti-in-tutta-la-sicilia-la-fimp-sicilia-fa-ricorso-contro-se-stessa

27/12/2011

27/12/2011

Articoli che potrebbero interessarti

Punti nascita. Sip e Sin scrivono a Zaia: “Pericoloso lasciare aperti quelli con meno di 500 parti l’anno”
qutidianosanita.it - Dopo la Fesmed, anche la Sip e la Sin si schierano contro la deliberazione n.2238 della Giunta Zaia: Inadeguata e pericolosa".
La pediatria del futuro. Simpef: “Integrazione e interrelazione i punti di partenza. Ma non sarà facile”
quotidianosanita.it - Fra gli interventi anche quello dell'assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera, che ha assicurato la sua attenzione.
Pediatri, Sispe: "Criticità risolte, medici lavorino il 13, 14 e 15 marzo"
cagliaripad.it - La Sispe comunica che si sono risolte le criticità relative all'esecuzione di particolari prestazioni di screening e diagnostiche.
Per i sedentari il rischio di raffreddore è doppio
agi.it - E' quanto emerge da uno studio dell'Universita' del North Carolina, pubblicato sul British Journal of Sports Medicine.

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.