benvenuti in Pesticidi in frutta e verdura, sicuri per i bambini?

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

Pesticidi in frutta e verdura, sicuri per i bambini?

diariodelweb.it - L'argomento è stato al centro di una discussione che, nei giorni scorsi, ha visto divisi proprio i pediatri.

Leggiamo su "diariodelweb.it"

"Il primo a mettere in discussione il contenuto della locandina è stato il Movimento Difesa del Cittadino (MDC) che ha raccolto le segnalazioni di alcuni genitori e pediatri ed ha accusato la Fimp di aver lanciato una pubblicità nascosta aggressiva e allarmistica». Secondo Silvia Biasotto, del Dipartimento Sicurezza Alimentare di MDC, la locandina ha messo «in dubbio un principio sacrosanto di tutto il cibo, a prescindere a chi sia destinato ovvero la sicurezza alimentare è un prerequisito di tutti gli alimenti e che l'Italia, con tutti i suoi difetti, detiene il miglior sistema di prevenzione e controllo lungo tutta la filiera agroalimentare».
La pensano così anche i pediatri dell'Associazione Culturale Pediatri che si dissociano dalle raccomandazioni lanciate dalla FIMP, accusando la Federazione di parlare come un organo scientifico, ma di essere in realtà portavoce dell'industria. Secondo l'ACP i pediatri non dovrebbero prestarsi al gioco della concorrenza industriale, anche perché così disinformano e creano confusione nelle famiglie.
E a tal proposito è intervenuto anche il Ministero della Salute, ricordando che il controllo ufficiale dei prodotti fitosanitari, compresi i pesticidi negli alimenti è una delle priorità sanitarie più rilevanti nell'ambito della sicurezza alimentare. Gli organi competenti del Ministero della Salute e delle Regioni effettuano controlli costanti sulla frutta, la verdura e i cereali e l'attenzione e la vigilanza sui prodotti destinati all'infanzia è massima.
Anche il Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali, Mario Catania, ribadisce che »il consumo della frutta e della verdura fresca è la migliore pratica alimentare che possa essere consigliata sia per gli adulti che per i bambini».

  

Riferimento

Leggi l'articolo originale alla pagina:

http://www.diariodelweb.it/Comunicato/Agroalimentare/?d=20111212&id=227689

13/12/2011

13/12/2011

Articoli che potrebbero interessarti

GB, pediatri lanciano allarme: bimbi esperti di tablet ignorano gioco delle costruzioni
urbanpost.it - L'Association of Teachers and Lecturers britannica lancia l'allarme: i bambini di fronte al gioco delle costruzioni non sanno che fare.
Vaccini sicuri
asca.it - I pediatri rassicurano le famiglie sull'efficacia dei vaccini antinfluenzali.
Ticket, in rivolta i medici di base "Non faremo i controlli sull'esenzione"
repubblica.it - Il sindacato Fimmg contesta il compito di verifica attribuito alla categoria dal decreto entrato in vigore il 1° maggio.
Neonato morto in ospedale. Il pm: venti mesi per i pediatri
ilrestodelcarlino.it - Un anno e otto mesi. È la condanna chiesta dal pubblico ministero per i tre pediatri sotto processo per la morte di un neonato.

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.