benvenuti in Farmaci di Fascia C saranno venduti fuori le farmacie: la protesta di Federfarma

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

Farmaci di Fascia C saranno venduti fuori le farmacie: la protesta di Federfarma

corriereinformazione.it - Arrivano anche delle novità nel settore farmaceutico approvate dal Ministro alla Salute Renato Balduzzi.

Leggiamo su "corriereinformazione.it"

Nuove farmacie
Desta interesse la norma che abbassa il numero di abitanti necessario per aprire una farmacia: l’autorizzazione, adesso, sarà concessa ogni 4.000 abitanti invece che, come prevedeva la precedente legislazione, ogni 5.00 per i comuni al di sotto dei 12.500 abitanti.
Criteri di valutazione per l’assegnazione
Il provvedimento è a copertura nazionale ed è indirizzato all’apertura di sedi farmaceutiche di nuova istituzione; il concorso è per soli titoli ed è riservato ai farmacisti non titolari di farmacia e ai titolari di farmacia rurale.
La vendita dei farmaci
I Farmaci di fascia C, dall’entrata in vigore del decreto legge, saranno commercializzati anche all’esterno dei tradizionali canali di vendita (le farmacie) per passare, anche dalle parafarmacie, sanitarie o centri di grande distribuzione.
Così come si vede in alcuni film americani sarà presente un angolo delimitato nel quale i farmaci saranno distribuiti sempre sotto la vigilanza di un farmacista (presenza irrinunciabile) che garantirà il divieto di accesso da parte del personale non addetto.
Farmaci di Fascia C
Il Ministero della Salute ha definito tale categoria di farmaci come quei prodotti a totale carico dei cittadini (quindi non soggetti al regime di rimborsabilità come quelli di fascia A) e sono utilizzati per patologie di lieve entità o considerate minori e, quindi, non sono considerati “essenziali” o “salvavita”.
Il parere di Federfarma
Aspramente contestata la normativa presente nel decreto legge: l’associazione nazionale dei farmacisti ritiene questa “fuga” di alcune categorie di farmaci come una grave azione che potrebbe ripercuotersi sui cittadini che, in tal modo, sarebbero incentivati ad abusare di tali prodotti.

Riferimento

Leggi l'articolo originale alla pagina:

http://www.corriereinformazione.it/2011120515751/salute/farmaci-di-fascia-c-saranno-venduti-fuori-le-farmacie-la-protesta-di-federfarma.html

6/12/2011

6/12/2011

Articoli che potrebbero interessarti

Rivoluzione in Veneto: pediatri privati ma pagati dalla "mutua"
ilgazzettino.it - In un domani non troppo lontano i genitori potranno scegliersi il pediatra privato e a pagare sarà la Regione Veneto.
Fazio, accordo su Prontuari Terapeutici Ospedalieri Regionali dei farmaci valutati come innovativi.
corrieredifarmacia.com - La Conferenza Stato Regioni ha approvato l'Accordo sul diretto recepimento nei Prontuari Terapeutici Ospedalieri Regionali dei farmaci
In Gran Bretagna niente Echinacea ai bimbi under 12
iltempo.it - Il rimedio naturale rischia di scatenare allergie nei più piccoli.
Sconsigliavano le vaccinazioni, sanzionati 2 medici
adnkronos.com - Gli Ordini di Firenze e Treviso hanno avviato procedimenti disciplinari nei confronti di due medici che sconsigliavano le vaccinazioni.

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.