benvenuti in Ring14: studiare il linguaggio dei bambini affetti da malattie genetiche è possibile

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

Ring14: studiare il linguaggio dei bambini affetti da malattie genetiche è possibile

pianetauniversitario.com - Ricerca scientifica su Ring14: malattia genetica rara che colpisce i bambini e che si caratterizza per alcune anomalie o alterazioni a carico del cromosoma 14.

Leggiamo su "agi.it"

"Quello che fino ad oggi non è mai stato studiato in letteratura, è come si sviluppi la capacità comunicativa dei bambini portatori della sindrome ad anello e quali differenze si possano riscontrare analizzando caso per caso. A questo ci ha pensato una ricerca scientifica coordinata dal Dipartimento di Psicologia dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca che ha pubblicato, su una rivista specializzata in psichiatria e infanzia [1], i primi dati di uno studio di osservazione effettuato su tredici bambini dell'associazione internazionale RING14, di età compresa tra i cinque e i quindici anni.
La ricerca, finanziata dalla stessa associazione, ha dimostrato, attraverso alcune metodologie valutative, l'assenza di uno sviluppo linguistico omogeneo in bambini con un medesimo quadro genetico (gruppi appartenenti alla sindrome del cromosoma ad anello e gruppi affetti da anomalie strutturali del cromosoma 14) e ha aperto la strada a nuove ipotesi di intervento terapeutico nei confronti di questi piccoli pazienti. Da quanto emerge dalle analisi, le abilità linguistiche dei bambini portatori di tale sindrome si differenzierebbero sia in termini di sviluppo che di competenza, variando a seconda dei soggetti analizzati. Si tratta decisamente di un primo traguardo scientifico nel percorso di definizione di questa malattia, più sconosciuta che rara."  
 

Riferimento

Leggi l'articolo originale alla pagina:

http://www.pianetauniversitario.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1614:ring14-e-universita-degli-studi-di-milano-bicocca-studiare-il-linguaggio-dei-bambini-affetti-da-malattie-genetiche-e-possibile&catid=38:scienza-e-tecnologia&Itemid=57

30/11/2011

30/11/2011

Articoli che potrebbero interessarti

Giovanissimi a rischio, non conoscono l'Aids
corriere.it - Andrea Gori, infettivologo al San Gerardo di Monza: il virus approfitta dell'inconsapevolezza dei ragazzini.
Il caso Marche. L'assistenza agli "irregolari" costa di più di quella agli italiani. Troppi ricoveri e poca medicina di base
quotidianosanita.it - La spesa media stimata per singolo ricovero degli immigrati irregolari, soprattutto bambini, è stata superiore del 22%.
La dr.ssa Angela Zicolella tra gli “angeli custodi” dei piccoli biscegliesi
andrialive.it - C'è anche una pediatra andriese che, quest'estate, garantisce la salute dei bambini che si trovano a Bisceglie.
Sms solidale al Meyer di Firenze per i giovani ricercatori
asca.it - Con un SMS solidale al 45507 sarà possibile contribuire a far crescere la ricerca scientifica puntando sulle giovani promesse dell'AOU Meyer.

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.