benvenuti in MDC accusa locandina dei pediatri

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

MDC accusa locandina dei pediatri

helpconsumatori.it - Il Movimento Difesa del Cittadino mette sotto accusa la locandina della Federazione Italiana Medici Pediatri (Fimp).

Leggiamo su "helpconsumatori.it"

"Il Movimento Difesa del Cittadino mette sotto accusa la locandina della Federazione Italiana Medici Pediatri (Fimp). "Una pubblicità nascosta aggressiva e allarmistica"; la definisce così Silvia Biasotto, Dipartimento Sicurezza Alimentare di MDC, che raccoglie la segnalazione di alcuni genitori e pediatri che hanno partecipato al congresso della Federazione dei Medici Pediatri lo scorso ottobre.
Nella locandina c'è un chiaro confronto tra i cibi al loro stato naturale (frutta, verdura, carne, latte vaccino) e quelli prodotti dall'industria alimentare (omogeneizzati, latti di proseguimento, ecc...). Il confronto, però, è tutto a favore di questi ultimi che sono cerchiati in verde, a differenza dei primi cerchiati di rosso, ed hanno un "bollino" che recita: "specifico per l'infanzia". Seguono poi delle indicazioni riguardo l'inopportunità di utilizzare per i bambini i cibi comuni, visto che, ad esempio, "il 50% della frutta fresca contiene livelli di pesticidi non idonei all'alimentazione infantile".
La locandina si conclude con un frase che ha il sapore dello slogan "Scopri i vantaggi degli alimenti specifici per l'infanzia. Chiedi al tuo pediatra".
"Non sarebbe stato meglio che anche i pediatri, con la loro forza scientifica, avessero chiesto a gran voce, come da tempo fanno associazioni a tutela dell'ambiente e dei consumatori, un passo avanti in questo senso? Ci auguriamo di non trovare negli studi pediatrici la locandina in oggetto e invitiamo tutti i genitori a comunicarci una eventuale presenza e le loro impressioni all'indirizzo
silviabiasotto@mdc.it" 

Riferimento

Leggi l'articolo originale alla pagina:

http://www.helpconsumatori.it/news.php?id=35004

15/11/2011

15/11/2011

Articoli che potrebbero interessarti

Il paese è senza pediatra e alla fine arriva un volontario
restoalsud.it - Nel paese siciliano Serradifalco da due mesi ben 320 bambini sono senza pediatra.
Distrofia Duchenne: 'creato' topo che aiuterà a combatterla
agi.it - Gli studiosi della Stanford University hanno sviluppato un modello murino che riproduce lo stesso decorso che la malattia ha negli uomini.
Nasce il Registro Europeo del fegato grasso nei bambini
quotidianosanita.it - Il coordinamento è stato affidato all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma. L’incarico è stato assegnato sabato scorso a Parigi.
Pediatri del Bambin Gesù per giornata TBC
agenparl.it - I pediatri dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma, nella Giornata mondiale della lotta alla tubercolosi, invitano a non abbassare la guardia.

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.