benvenuti in Salute: studio, videogame 'sparatutto' aiutano contro occhio pigro

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

Salute: studio, videogame 'sparatutto' aiutano contro occhio pigro

libero-news.it - Divertirsi con i videogame 'sparatutto' per curare l'ambliopia, meglio conosciuta come sindrome dell'occhio pigro: un deficit dell'acutezza visiva dell'età pediatrica.

Leggiamo su "wellme.it"

"E' il risultato raggiunto dal ricercatore Somen Ghosh, che è riuscito ad ottenere, nel 30% dei pazienti tra i 10 ei 18 anni, guadagni significativi nella visione includendo nel trattamento standard l'uso dei videogiochi per un'ora al giorno. Lo studio è stato presentato al 115° Convegno dell'American Academy of Ophthalmology di Orlando (Usa).
"Era difficile giocare con videogiochi 'sparatutto' - racconta un giovane paziente di 16 anni - mentre si usa solo l'occhio più debole, ma dopo pochi mesi ho potuto vincere tutti i livelli di gioco facilmente". Secondo Ghosh, "la collaborazione del paziente è molto importante, forse decisiva per il successo del trattamento del ambliopia. Alla fine di un anno di sperimentazioni quasi il 30% dei partecipanti ha raggiunto significativi guadagni alla vista. Inoltre - aggiunge - circa il 60% ha mostrato almeno qualche miglioramento".
"Fino a oggi si pensava che il segreto per la cura dell'ambliopia - avverte Ghosh - fosse di intervenire prima che il bambino arrivasse all'età scolare. Altrimenti è difficile o impossibile da correggere. Ma recentemente - prosegue - uno studio dello United States-based Pediatric Eye Disease Group Investigation (Pedig) ha evidenziato aumenti significativi della visione nel 27% dei bambini curati anche in età adolescenziale. Un risultato che ha incoraggiato il mio lavoro".
 

Riferimento

Leggi l'articolo originale alla pagina:

http://www.libero-news.it/news/852572/Salute-studio-videogame--sparatutto--aiutano-contro-occhio-pigro-----.html

25/10/2011

25/10/2011

Articoli che potrebbero interessarti

Farmaci: pediatri, no a prescrizioni da parte infermieri
federfarma.it - "Il commento di Giampietro Chiamenti all'ipotesi lanciata dal direttore dell'Aifa Mario Melazzini."
Pediatri di famiglia gli unici a essere davvero penalizzati
quotidianosanita:it - Non si accetterà un contratto che comporti uno stravolgimento totale della nostra professione.
Diabete in età scolare. La Federazione Diabete Giovanile chiede interventi nei nuovi Lea
quotidianosanita.it - In una lettera rivolta a Beatrice Lorenzin la Federazione Diabete Giovanile chiede di intervenire sui nuovi Lea.
Carenza medici. La ricetta dell'assessore Bresciani
ilgiornale.it - Niente più numero chiuso alla facoltà di Medicina, e finanziamenti specifici, sia pubblici sia privati.

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.