benvenuti in Omeopatia:

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

Omeopatia: "Una medicina senza base scientifica. Quelle cure non hanno alcun effetto"

quotidiano.net - Forse il professor Silvio Garattini, direttore dell'Istituto di ricerche farmacologiche "Mario Negri", non era mai andato giù così pesante.

Leggiamo su "quotidiano.net"

"Quale rischio intravede?
«Si illudono molte persone. Spesso i trattamenti non portano a nulla, e se la malattia è grave il rischio è che quando si interviene sia troppo tardi».
Ma c’è chi sostiene di essersi ben curato con l’omeopatia.
«Ci sono anche molte persone che guardano l’oroscopo prima di decidere cosa fare. Il fatto che ci sia tanta gente che pratica l’omeopatia non significa nulla. Dietro c’è un mercato che si calcola essere intorno ai 400 milioni di euro all’anno».
Ci sono multinazionali molto solide nel settore.
«Sì, fanno i loro interessi. Vendere il nulla è un grande affare».
Lei va oltre Scilipoti. Almeno lui si limita a dire che l’omeopatia va integrata con i farmaci tradizionali.
«Non c’è niente da integrare. Un po’ di tempo fa la si classificava come medicina alternativa. Non può essere tale. Se c’è una malattia, bisogna usare i farmaci che servono. Poi si è parlato di medicina complementare, che suona un pochino meglio. Adesso di integrativa. Si dice: ‘Fate tutto quello che dovete fare e aggiungete questo’. Beh. Un grande affare, no?»
Quindi lei teorizza che l’unica medicina credibile è quella classica.
«Parlo dei prodotti attivi. Anche nella medicina canonica ci sono un sacco di prodotti che non servono a niente».
Per esempio?
«Gli integratori alimentari. Ma anche i dimagranti, gli anti-vecchiaia, gli epatoprotettori, molti vasodilatatori, anti-ossidanti, gli anti-radicali, gli immunostimolanti. Tutte categorie di prodotti inutili. Un mercato che vende speranza. Illusioni. E lì bisogna dire che sono colpevoli anche gli ordini dei medici, che accettano i medici omeopatici, come quelli che praticano la medicina cinese o altro»."

Riferimento

Leggi l'articolo originale alla pagina:

http://qn.quotidiano.net/primo_piano/2011/10/23/605885-medicina_senza_base_scientifica.shtml


 

25/10/2011

25/10/2011

Articoli che potrebbero interessarti

Siena: call center per le malattie genetiche rare
adnkronos.it - A Siena un call center per le malattie genetiche rare pediatriche.
Asma: aumenta il rischio tra i bambini che bevono troppe bevande zuccherate
quotidianosanita.it - Un nuovo studio condotto in Usa sottolinea l’importanza che il consumo di bevande zuccherate ha nello scatenare una condizione di asma.
Colpo di coda dell'influenza e nuovo picco, 377mila a letto in 7 giorni
adnkronos.com - Contrariamente a quanto osservato nella precedente settimana, "la curva epidemica delle sindromi influenzali continua lentamente a salire.
Troppa vitamina D inquieta il cuore
corriere.it - Si può ricorrere agli integratori, per bambini, anziani e donne in gravidanza e allattamento ma è opportuno che la dose venga valutata dal medico.

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.