benvenuti in Pediatria: boom allergie al latte, sotto accusa società e stili di vita

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

Pediatria: boom allergie al latte, sotto accusa società e stili di vita

libero-news.it - Si può definire come una sorta di 'cospirazione dell'occidentalizzazione' l'insieme di concause che ha contribuito a far innalzare i casi di allergie al latte vaccino.

Leggiamo su "libero-news.it "

"- Smog, cattivi stili di vita materni, la prima gravidanza sempre più posticipata. "Si può definire come una sorta di 'cospirazione dell'occidentalizzazione' l'insieme di concause che ha contribuito a far innalzare vertiginosamente, negli ultimi 20 anni, i casi di allergia alle proteine del latte vaccino". Così Alessandro Fiocchi, Chair dello Special Committee on Food Allergy e primario di pediatria all'ospedale Macedonio Melloni di Milano, presenta ai colleghi del quinto Congresso nazionale Fimp le cause del crescente numero di 'intolleranze' al latte vaccino: un boom di casi riscontrato dalle mamme che stanno smettendo di allattare al seno il bebè.
"Dieta materna, vizio del fumo nelle madri, inquinamento ambientale - spiega Fiocchi - sono solo alcune delle cause che incidono negativamente sulla salute dei bambini, dando luogo all'insorgenza di allergie alle proteine del latte vaccino. A queste bisogna aggiungere l'abbattimento del tasso delle nascite, l'invecchiamento delle madri e in particolare delle primipare. Poi vi è l'aumento del tempo che intercorre tra la nascita del primogenito e di eventuali, benché rari, altri figli: è provato che figli successivi al primo e concepiti in giovane età soffrono assai meno di sindromi allergiche in genere".
Si tratta di un trend difficilmente contrastabile da parte dei pediatri, che sono comunque tenuti, "sul piano sociale, ad informare le persone circa la notevole incidenza di questi fattori di rischio - avverte l'esperto - tanto radicati nelle abitudini e nei vizi intrinseci al modello familiare del giorno d'oggi".
Per quanto riguarda il tentativo, da parte del pediatra, di sostituire il latte materno e vaccino con formule integrative ipoallergeniche, il consiglio dell'esperto è essenzialmente di "privilegiare le formule idrolizzate. Ma sempre con un occhio al portafogli, perché un litro di latte con proteine semplificate a mezzo di idrolisi può arrivare a costare fino a 8 euro, magari senza presentare, in relazione al singolo lattante, grossi vantaggi rispetto a un più economico integratore ipoallergenico".
"
 

Riferimento

Leggi l'articolo originale alla pagina:

http://www.libero-news.it/news/834431/Pediatria-boom-allergie-al-latte-sotto-accusa-societa--e-stili-di-vita-----.html

4/10/2011

4/10/2011

Articoli che potrebbero interessarti

Boom di denunce contro i pediatri. Cresce la medicina difensiva
votaqui.com - Non solo i chirurghi: anche i pediatri, visto che il 2,8% di pediatri viene segnalato ogni anno alle forze dell'ordine.
Morbillo. Italia non è più maglia nera in Europa. Ma allerta resta
quotidianosanita.it - Il CDTR ha aggiornato la situazione all’8 giugno scorso per 19 paesi UE/EFTA.
Lo stato di salute della pediatria pugliese
coratolive.it - Ad un anno dalla emanazione del decreto Balduzzi, un convegno che si svolgerà a Corato intende fare il punto della situazione.
Investire in prevenzione per ridurre la spesa e sostenere il Ssn
quotidianosanita.it - Occorre lungimiranza programmatica e investire sulla prevenzione anche se può sembrare una spesa. Così Giampietro Chiamenti.

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.