benvenuti in Sanità: Fimmg, 9 medici di famiglia su 10 si fidano dell'Enpam

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

Sanità: Fimmg, 9 medici di famiglia su 10 si fidano dell'Enpam

agi.it - Dalla ricerca risulta che nella categoria c'è poca conoscenza delle regole previdenziali. La classe medica lamenta inoltre difficoltà e disagi per i carichi burocratici.

Leggiamo su "agi.it"

"Dalla ricerca risulta che nella categoria c'e' poca conoscenza delle regole previdenziali. La meta' dei medici ignora la possibilita' di contribuire con versamenti facoltativi, solo il 5% e' a conoscenza del sistema applicato al calcolo della pensione. Oltre la meta' dei medici (il 64,9%) si informa poco o niente di come l'Enpam amministra il patrimonio. Un po' piu' aggiornati i medici di medicina generale (il 53,9%) e gli over 66. Per i medici i contributi versati dovrebbero essere l'elemento di calcolo piu' importante per la definizione della pensione. Per 6 professionisti su 10 sarebbe accettabile un inasprimento delle penalizzazioni per il pre-pensionamento; per quasi tutti inaccettabile invece mettere mano su diritti acquisiti, in particolare su contributi gia' versati.
  Dall'indagine emerge anche il quadro di una classe medica che, se pur ancora soddisfatta della propria attivita' professionale, lamenta difficolta' e disagio perle condizioni di lavoro, per i carichi burocratici a cui e' sottoposta e per il profilo dei rapporti con il mondo delle istituzioni sanitarie. A soffrirne maggiormente i medici di medicina generale che dicono di essere "fortemente stressati" e insoddisfatti del rapporto con Asl e Regione (nel 38,8% dei casi). Proprio lo stress e l'insoddisfazione lavorativa sono i motivi principali delle richieste di pre-pensionamento soprattutto di medici di famiglia e pediatri di libera scelta."
 

Riferimento

Leggi l'articolo originale alla pagina:

http://www.agi.it/research-e-sviluppo/notizie/201110031328-eco-rt10134-sanita_fimmg_9_medici_di_famiglia_su_10_si_fidano_dell_enpam

4/10/2011

4/10/2011

Articoli che potrebbero interessarti

Stop al cucchiaio per dosare gli sciroppi
adnkronos.it - Arriva dai pediatri americani lo stop all'abitudine consolidata di usare cucchiai o cucchiaini per dosare sciroppi e altre medicine liquide.
Obesità infantile e giovanile: le insidie nascoste delle pubblicità televisive del cibo-spazzatura
quotidianosanita.it - Assistere ad una sola réclame di troppo a tema "junk food" a settimana comporta un consumo di 350 calorie in più di alimenti.
Generazione ansiosa, 2 bambini su 3 sempre preoccupati
meteoweb.it - A mettere in luce la fragilità dei nostri bambini è un’indagine britannica, condotta dalla Charity Place2Be su 700 bambini tra i 10 e gli 11 anni.
Allattamento al seno. Solo il 10% delle madri continua oltre i 6 mesi
quotidianosanita.it - Dati preoccupanti per i neonatologi italiani, anche se in netto miglioramento rispetto al passato.

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.