benvenuti in Settimana per l'allattamento materno 2011: comunicare per sostenere

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

Settimana per l'allattamento materno 2011: comunicare per sostenere

epicentro.iss.it - Allargare il messaggio di sostegno all'allattamento materno coinvolgendo anche figure che tradizionalmente sono meno interessate direttamente per esempio i giovani e gli uomini.

Leggiamo su "epicentro.iss.it"

I dati sull’allattamento materno in Italia
L’Organizzazione mondiale della sanità raccomanda l’allattamento esclusivo al seno per i primi 6 mesi di vita del bambino e l’allattamento al seno con l’aggiunta di alimenti complementari appropriati fino a 2 anni e oltre, se la madre e il bambino lo desiderano. Secondo i dati Oms, però, a livello mondiale meno del 40% dei neonati con meno di 6 mesi di vita è allattato esclusivamente con latte materno.
I pochi dati italiani disponibili sull’argomento rafforzano l’idea che la promozione dell’allattamento materno è un tema primario anche per il nostro Paese sia da un punto di vista di sanità pubblica sia rispetto al singolo cittadino. Un’indagine condotta nel 2009 dall’Istituto superiore di sanità al fine di valutare gli indicatori assistenziali al percorso nascita rileva, infatti, basse prevalenze con un veloce svezzamento già a 3 mesi. Si osservano inoltre differenze territoriali con un gradiente negativo delle prevalenze dal Nord al Sud del Paese (nell’Italia settentrionale l’allattamento al seno è più diffuso rispetto al meridione).
Allo studio hanno partecipato 25 Asl di 11 Regioni. È stato selezionato un campione casuale di 3534 donne partorienti, intervistate a pochi giorni dal parto e dopo 3, 6 e 12 mesi. L’indagine ha previsto la raccolta di informazioni relative all’allattamento al seno in ciascuna delle quattro interviste. In tabella 1 sono riportate le prevalenze di allattamento completo al seno (esclusivo o predominante, cioè latte materno con possibile aggiunta di acqua/tisane) rilevate per ripartizione geografica. Le prevalenze di allattamento completo al seno risultano del 69,4% subito dopo il parto e del 56,4%, 9,6% e 0,9% rispettivamente dopo 3, 6 e 12 mesi.

Riferimento

Leggi l'articolo originale alla pagina:

http://www.epicentro.iss.it/argomenti/allattamento/Sam2011.asp




 

4/10/2011

4/10/2011

Articoli che potrebbero interessarti

Morbillo. Italia seconda per diffusione con il 35% dei casi.
quotidianosanita.it - Il nostro Paese è sul podio in questa preoccupante classifica degli Stati con il più alto tasso di casi di morbillo.
SIPPS: vaccinazioni in calo, i pediatri intervengano
meteoweb.eu - È fuori discussione che spetti al pediatra, riferimento più affidabile, promuovere cultura sull’argomento e offrire le necessarie rassicurazioni.
Pediatri in allarme per andamento vaccinazioni. Ma qualcosa nelle regioni si sta muovendo
quotidianosanita.it - La fotografia italiana varia da regione a regione. Il valore dei 95 punti percentuali è stato raggiunto da 6 regioni su per 21.
Abusi sui bambini. Al via a Napoli il primo corso per creare una rete di pediatri “salvabimbi”
quotidianosanita.it - L’iniziativa lanciata da Menarini in collaborazione con Sip e la Fimp, coinvolgerà altre 18 città in tutta Italia.

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.