benvenuti in Scoperto un super-anticorpo contro l'influenza

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

Scoperto un super-anticorpo contro l'influenza

ansa.it - La scoperta, pubblicata su Science, si deve al gruppo coordinato dall'immunologo Antonio Lanzavecchia, dell'Istituto di Ricerche Biomediche (Irb) di Bellinzona.

Leggiamo su "ansa.it"

''A breve, il superanticorpo potra' essere utilizzato nella terapia'', ha detto Lanzavecchia, che ha condotto la ricerca in collaborazione con il britannico Medical Research Council (Mrc) e con la spinoff dell'Irb Humabs Biomed. ''Certamente - ha aggiunto - avere individuato un simile anticorpo significa avere uno strumento per un nuovo vaccino contro l'influenza, ma questo obiettivo e' purtroppo ancora molto lontano''.
L'anticorpo si chiama F16 ed e' capace di combattere contro tutti virus dell'influenza che appartengono al tipo A, che fanno cioe' parte della stessa famiglia che comprende i virus responsabili dell'ultima pandemia di influenza, dell'aviaria e della Spagnola del 1918. Il super-anticorpo era inseguito da anni da numerosi gruppi di ricerca in tutto il mondo perche' e' l'unico in grado di riconoscere le caratteristiche che restano immutate dietro i tanti volti che il virus dell'influenza assume inverno dopo inverno, o all'arrivo di una nuova pandemia.
Il motivo per cui milioni di persone finiscono ogni anno a letto con l'influenza e' che soltanto pochissimi hanno l'anticorpo F16. Trovarlo non e' stato semplice ed i ricercatori ci sono riusciti grazie ad una nuova tecnica messa a punto dai ricercatori di Bellinzona. Anziche' andare a cercare il super-anticorpo cellula per cellula, con la possibilita' di fare da 10 a 100 test in tutto, il gruppo di Lanzavecchia ha scelto di coltivare decine di migliaia di cellule e di andare a cercare il super-anticorpo con l'aiuto di un robot. ''Una volta identificate le cellule con l'anticorpo giusto'', questo viene moltiplicato in milioni di copie con la tecnica chiamata Pcr (Reazione a catena della polimerasi). In questo modo si riesce ad avere a disposizione grandi quantita' dell'anticorpo.

 

Riferimento

Leggi l'articolo originale alla pagina:

http://www.ansa.it/scienza/notizie/rubriche/biotech/2011/07/28/visualizza_new.html_761019284.html

2/8/2011

2/8/2011

Articoli che potrebbero interessarti

Cosi la fobia dei vaccini fa ritornare le malattie debellate
comunitasociale.it - Nel ‘98 un medico indicò un legame tra vaccinazione antimorbillo e autismo. Nuovi studi l’hanno escluso.
Sanità e tagli: è già allarme pediatri
ilrestodelcarlino.it - la legge sulla spending review avrà effetti devastanti nelle Marche. "In tutto si dovranno tagliare 469 posti letto".
Un manifesto per i bambini
lastampa.it - La scure della Spending review non si abbatta indiscriminatamente "sulla pelle dei bambini". È un appello accorato in un manifesto.
Dislessia, esperto: "Usiamo la malattia per scaricare le responsabilità"
tempi.it - Alle elementari al 20% dei bambini viene diagnosticata la dislessia, ma solo il 3% è davvero affetto dalla malattia.

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.