benvenuti in Salute: studio, bimbe meno brave con i numeri se mamme credono nei cliche'

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

Salute: studio, bimbe meno brave con i numeri se mamme credono nei cliche'

libero-news.it - A rivelarlo è una ricerca guidata dall'università di Bologna, di prossima pubblicazione sull' 'Developmental Psychology', rivista dell'Associazione degli psicologi americani.

Leggiamo su "libero-news.it"

"Secondo lo studio, le possibilità che una bambina diventi un piccolo genio della matematica dipendono dai 'cliché' di genere della mamma. "Se questa infatti pensa che con i numeri se la cavino meglio i maschi - afferma lo studio - sua figlia otterrà punteggi fino al 15% inferiori rispetto alle coetanee le cui mamme rigettano con forza lo stereotipo. Nessun influenza, invece, sembrano avere le opinioni dei papà".
Analizzando l'esito del test, a cui sono stati sottoposti figli e genitori, i ricercatori si sono accorti che il rendimento in matematica si abbassava tanto più erano forti gli stereotipi di genere delle madri, fino ad arrivare ad uno scarto del 15% nel caso delle mamme con maggiori pregiudizi. Secondo lo studio questo effetto è "riscontrabile solo nelle bimbe che prima del test hanno disegnato la figura femminile. Se le mamme rigettano con decisione lo stereotipo, al contrario, le bimbe mantengono lo stesso livello di prestazione, qualunque sia la storia ascoltata e il disegno realizzato".
"Quando nei pensieri delle piccole si richiama la loro identità di appartenenza - spiegano i ricercatori - si riattivano tutte le idee e gli stereotipi collegati. Così la spiegazione che poi offrono dell'influsso negativo sulla performance ha a che vedere con lo stress indotto dall'ansia da prestazione".
 

Riferimento

Leggi l'articolo originale alla pagina:

http://www.libero-news.it/news/790196/Salute-studio-bimbe-meno-brave-con-i-numeri-se-mamme-credono-nei-cliche------.html

26/7/2011

26/7/2011

Articoli che potrebbero interessarti

Snami, pericoloso obbligare medici a prescrivere equivalenti
salute.asca.it - Inaccettabile e pericoloso obbligare i medici a prescrivere un qualcosa che potrebbe non essere il meglio e causare problemi ai pazienti.
Acquaticità e ludopatie, siglata intesa tra SIMPe/ministero della Salute
quotidianosanita.it - Con la sigla del protocollo d'intesa la Società Italiana Medici Pediatri collaborerà alla campagna di comunicazione "Salva una vita".
Pediatra denunciato, nel suo studio medicinali scaduti
quellichelafarmacia.com - E' successo nel bresciano, dove i carabinieri del Noe hanno sequestrato ad un pediatra circa 200 confezioni di medicinali scaduti.
Importante scoperta all'ospedale pediatrico Gaslini di Genova
ante.it - La ricerca ha dimostrato che l'uso del Rituximab, un farmaco biologico utilizzato per le malattie del sangue, può fermare e stabilizzare la sindrome n

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.