benvenuti in Italiani: un popolo di navigatori (web) e (tele)dipendenti: a dirlo è ufficialmente il Censis

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

Italiani: un popolo di navigatori (web) e (tele)dipendenti: a dirlo è ufficialmente il Censis

tech.fanpage.it - Più della metà della popolazione italiana è su Internet (53,1%), i quotidiani tradizionali perdono il 7% dei lettori tra il 2009 e il 2011 (19,2% in meno dal 2007).

Leggiamo su "tech.fanpage.it"

"Coloro che stanno rendendo possibile il cambiamento di fruizione dei contenuti (televisivi, multimediali, di informazione, culturale etc.) sono naturalmente i giovani, meglio se istruiti: l’87,4% fra i giovani accede a Internet.
Mentre si abbassa il digital divide nel paese, visto che nel 2011 si supera la soglia del 50% di utenti Internet, aumenta il press divide. La radio rimane con un’utenza stabile con livelli molto alti (8 italiani su dieci).
Questi dati confermano il cambiamento in atto del modello culturale; non più relazioni con i media top-down e broadcasting ma relazioni peer-to-peer, che iniziano dal basso (bottom-up) e tendono a costruire una società non più di massa, come qualche decennio fa, ma “tribale”, secondo alcune fortunate definizioni sociologiche; basata cioè sugli interessi reali delle persone che possono così svilupparsi di più come esseri umani e partecipare alla crescita culturale ed economica del paese. Internet permette un uso attivo delle news: l’interazione con le persone e la potenziale amplificazione della notizia cambia il paradigma culturale dove i contenuti rilevanti e attendibili vengono decisi dagli stessi utenti. La battaglia tra la tv e Internet si fa sempre più dura, sono i due mezzi che iniziano a contendersi la maggiorparte dell’offerta di informazione nella società e dunque anche la negoziazione dei valori: potere, giustizia, sanità, salute, informazione, cultura, ambiente etc. Internet entra come player fondamentale e i giovani (con un buon titolo di studio) stanno facendo sì che questo cambiamento avvenga.
Tuttavia i giovani, da soli, non possono trainare lo sviluppo dell’Italia che, come emerge dai dati, si muove a doppia velocità: Internet nel 2010 rappresentava il 2% del Pil, il 10% in più rispetto al 2009; l’Internet economy italiana arriverà prevedibilmente nel 2015 a una quota tra il 3% e il 4,3% del Pil, cioè tra i 59 e i 77 miliardi di euro: è un’occasione imperdibile per il paese visto il patrimonio culturale, commerciale, industriale e artigiano: la rete però deve essere considerata strategica dal governo per coinvolgere nel processo evolutivo anche chi non usa abitualmente il pc
"
 

Riferimento

Leggi l'articolo originale alla pagina:

http://tech.fanpage.it/italiani-un-popolo-di-navigatori-web-e-tele-dipendenti-a-dirlo-e-ufficialmente-il-censis/




 

19/7/2011

19/7/2011

Articoli che potrebbero interessarti

Perché i neonati italiani piangono più dei danesi, tedeschi e giapponesi?
corriere.it - I neonati italiani, inglesi, canadesi e olandesi piangono più dei coetanei. A dirlo è una meta-analisi dell’Università di Warwick.
Scozia: figli obesi, il Comune li toglie ai genitori
tempi.it - La notizia fa il giro del mondo: l'ideologia salutista comincia a spaventare le famiglie.
Farmaci: generici, da medici poca fiducia
ansa.it - Pazienti invece sono ben disposti verso gli equivalenti (64,8%.
Pediatri di famiglia CIPe-SISPE-SINSPE in stato di agitazione
ansa.it - La Federazione chiede riapertura delle trattative per il rinnovo del contratto di lavoro alla luce dell’accordo del 4 marzo scorso.

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.