benvenuti in Istat, infanzia aumentano i bambini iscritti agli asili nido

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

Istat, infanzia aumentano i bambini iscritti agli asili nido

clandestinoweb.com - L'Italia è divisa sul fronte degli asili nido. Il meridione arranca, come emerge nei dati del Rapporto Istat sui servizi socio-educativi per la prima infazia.

Leggiamo su "clandestinoweb.com"

"Nel nostro paese persistono ampie differenze territoriali e i bambini che usufruiscono degli asili comunali o finanziati dai Comuni variano dal 3,4% nel Sud al 16,4% del Nord est. Variabile invece l'offerta del servizio che va dal 21,2% al 77,3% al Nord est.
Questo quadro è la risultante di situazioni regionali assai diverse fra loro: nel Nord est dell'Italia soprattutto si mantengono livelli superiori rispetto al resto del paese e c'è continuo incremento dell'offerta comunale. E' l'Emilia Romagna in particolare a conservare il primato per la diffusione delle strutture per la prima infanzia, per la numerosita' degli utenti (pari al 25,2% dei bambini tra zero e due anni), mentre assieme al Friuli Venezia Giulia risulta essere la regione in cui e' maggiormente presente il servizio in termini di percentuale di Comuni coperti (86,8% e 86,2% dei Comuni, in cui risiede il 98,2% e il 95,7% della popolazione target rispettivamente per l'Emilia-Romagna e il Friuli-Venezia Giulia).
Nel centro Italia, soprattutto per l'Umbria e al Lazio, si è registrato un deciso aumento dell'offerta. Se per l'Umbria la crescita e' significativamente cresciuta a partire dal 2008, nel Lazio invece si è percepito un incremento graduale negli anni: in termini di bambini iscritti su 100 residenti fra zero e due anni, i Comuni del Centro Italia oltrepassano nell'arco di cinque anni la media del Nord-ovest (14,1%)."

Riferimento

Leggi l'articolo originale alla pagina:

http://www.clandestinoweb.com/sondaggi-da-tutto-il-mondo/141262-istat-infanzia-aumentano-i-bambini-iscritti-agli-asili-nido-ma-il-sud-e-in-coda-con-solo.html

 

 

19/7/2011

19/7/2011

Articoli che potrebbero interessarti

Accordo per difendere la salute degli adolescenti
qds.it - E' necessario rafforzare l'alleanza tra pediatri, medici di medicina generale e specialisti clinici e garantire così la continuità di assistenza.
Inchiesta sul latte, i pediatri sono tornati tutti al lavoro
gelocal.it - Da ieri sono tornati al lavoro gli ultimi tre pediatri, rimasti coinvolti con altri colleghi nell’inchiesta sul latte in polvere.
In Italia 18 mila bimbi con diabete, fumetto Disney per aiutarli
tiscali.it - Il primo fumetto sulla salute, "Coco e la festa di Pippo!", dedicato al diabete infantile arriva a Roma.
Otiti complicate: i pediatri a Treviso ricevono via web le immagini dell'orecchio
trevisotoday.it - Nell’Azienda Ulss 2, un ulteriore progresso nell’integrazione tra ospedale e territorio; in particolare tra unità specialistiche e pediatri.

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.