benvenuti in Aids, in Italia mille casi nel 2010

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

Aids, in Italia mille casi nel 2010

repubblica.it - I dati restano allarmanti: ogni giorno 7mila nuove infezioni e mille riguardano bambini.

Leggiamo su "repubblica.it "

"In occasione della Conferenza, il Centro Operativo Aids ha reso noti i dati aggiornati della situazione in Italia. Dal 1982, anno della prima diagnosi di aids in Italia, al 31 dicembre 2010, sono stati notificati 62.617 casi di malattia. Di questi iIl 77,3 per cento riguardavano persone di sesso maschile, l'1,2 per cento in età pediatrica o con infezione trasmessa da madre a figlio e l'8,5 per cento erano stranieri. Anche se di Aids si parla sempre meno, nel 2009 ci sono state ancora 2.588 diagnosi con un'incidenza pari a sei abitanti ogni 100mila. Mentre nel 2010 sono stati 1.079 i nuovi casi. Nel complesso oggi in Italia ci sono 160mila sieropositivi e 20mila malati di Aids.
La concentrazione è maggiore al centro-nord rispetto al sud e alle isole. In particolare la più alta è stata registrata in Emilia Romagna, seguita da Lombardia e Lazio. Mentre la più bassa in Calabria. "Dati che inquadrano l'Italia - spiega l'Istituto Superiore di Sanità -  fra i Paesi dell'Europa occidentale con un'incidenza di nuove diagnosi di hiv medio-alta".
Ancora: aumenta l'età media al momento della diagnosi, passando da 26 anni per i maschi e 24 anni per le femmine nel 1985 a, rispettivamente, 39 e 36 anni nel 2009. Il risultato è che il 66,2 per cento del totale dei casi, si concentra nella fascia d'età 30-49 anni. In particolare è aumentata la quota di casi nella fascia d'età 40-49 anni. Non solo, cambiano anche le categorie di trasmissione: diminuiscono i tossicodipendenti (dal 74,6 per cento nel 1985 al 5,4 per cento nel 2009) e crescono i casi attribuibili a trasmissione sessuale (omosessuale ed eterosessuale) passati dal 7,8 per cento nel 1985 al 79 per cento nel 2009. Nel 2009, ancora, quasi una persona su tre, fra gli hiv positivi, è risultata di nazionalità straniera.
"
 

Riferimento

Leggi l'articolo originale alla pagina:

http://www.repubblica.it/salute/medicina/2011/07/17/news/in_italia_50_mila_casi_in_30_anni-19236907/

19/7/2011

19/7/2011

Articoli che potrebbero interessarti

Manovra. Fimmg in stato di agitazione per provvedimenti su casse previdenziali
quotidianosanita.it - Gli iscritti Enpam hanno rinunciato a qualsiasi contributo pubblico sulle loro pensioni.
Medici specialisti? La Svezia vi cerca
giornaledibrescia.it - La Svezia sta cercando medici specialisti da inserire nelle proprie strutture sanitarie nazionali.
Dal pediatra solo fino a 7 anni: polemiche
bergamosera.com - Addio al pediatra dai sette anni in avanti. La proposta è contenuta nella bozza di Riordino delle Cure Primarie del ministro della Salute.
2013 record negativo per nascite
sassarinotizie.com - "Il 2013 è stato un disastro: è continuato l'andamento negativo, senza intravedere una possibilità di inversione di tendenza."

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.