benvenuti in Rifiuti a Napoli: aumentano le patologie respiratorie per i bambini

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

Rifiuti a Napoli: aumentano le patologie respiratorie per i bambini

corriere.it - I pediatri concordi, crescita del 10-20%: le cause nei roghi tossici e nella diossina.

Leggiamo su "corriere.it"

«Da circa un anno - spiega il presidente della Federazione italiana pediatri (Fimp) Giuseppe Mele - la rete dei pediatri a Napoli ha avviato un monitoraggio per verificare l'eventuale aumento di patologie pediatriche in relazione alla questione rifiuti». Sotto i riflettori degli specialisti, vi sono innanzitutto le patologie di tipo oncologico: «Per questo tipo di patologie, così come per quelle gastrointestinali - precisa Mele - non è stato riscontrato un aumento significativo dell'incidenza rispetto al resto del territorio nazionale».
AUMENTO DI ASMA E TOSSE - I dati cambiano, invece, per quanto riguarda le malattie respiratorie: «Nell'ultimo periodo si è riscontrato - sottolinea - un aumento percentuale significativo di disturbi quali asma, tosse, faringiti e bronchiti asmatiche nei bambini, soprattutto in quelli più predisposti come, ad esempio, i bambini allergici». Un aumento dell'incidenza delle patologie respiratorie le cui causa non è, ovviamente, imputabile al freddo della stagione invernale: «La causa - avverte Mele - è da ricercarsi nei roghi di rifiuti che continuano a verificarsi e che sono molto tossici per le sostanze, come la diossina, che vengono prodotte a seguito della combustione della plastica». I primi a pagare le conseguenze dell'emergenza rifiuti a Napoli sono, dunque, i bambini. E nell'attesa che la situazione torni, si spera, alla normalità, dai pediatri arriva un consiglio: «Ovviamente, è fondamentale tenere i bambini lontani dai roghi di immondizia ed è importante, soprattutto in questa situazione - sottolinea Mele - cercare di portarli a mare il più possibile, poiché l'esposizione all'aria e all'acqua marina può ridurre gli effetti di tali disturbi».

Riferimento

Leggi l'articolo originale alla pagina:

http://www.corriere.it/cronache/11_giugno_26/rifiuti-pediatri-malattie-respiratorie_989a6eea-9ffb-11e0-9ac0-9a48d7d7ce31.shtml

 

28/6/2011

28/6/2011

Articoli che potrebbero interessarti

Dopo le foto dei bambini abbandonati in stazione, Palazzo Marino cerca pediatri volontari per assisterli
ilgiornale.it - Una richiesta in perfetto rito ambrosiano per cercar di intervenire lì dove le istituzioni sembrano non riuscire ad arrivare.
Bimba morì per diagnosi sbagliata. Pediatra in ferie dovrà risarcire i danni.
corrierefiorentino.corriere.it - Tre milioni di euro per la morte di una bambina di 10 anni, sua paziente, causata da un errore di diagnosi della sua sostituta.
SIP prima linea nella cooperazione internazionale
meteoweb.eu - E’ vero che dal 1990 ad oggi, la mortalità infantile si è dimezzata, – spiega il prof. Giovanni Corsello, presidente della SIP.
Lorenzin alla Camera, sulle vaccinazioni: "Approvare presto il nuovo Piano, le risorse si devono e si possono trovare"
salute.gov.it - I dati recentemente forniti dall'Istituto Superiore di Sanità descrivono una situazione che non può che destare preoccupazione.

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.