benvenuti in Epidemia di infezioni da Escherichia coli complicate da sindrome emolitico uremica in Germania

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

Epidemia di infezioni da Escherichia coli complicate da sindrome emolitico uremica in Germania

epicentro.iss.it - Notiziario Epicentro - 16 giugno 2011 - La situazione in Europa.

Leggiamo su "epicentro.iss.it"

"La situazione in Europa
Al 16 giugno, nei Paesi Eu/Eea sono stati riportati 823 casi di sindrome emolitica uremica (SEU) (compresi 26 decessi) e 2578 casi non-SEU (di cui 13 decessi) di E. coli O104:H4. Lo riferisce l’aggiornamento del bollettino epidemiologico pubblicato dall’Ecdc il 16 giugno, sul focolaio di E. coli in Germania.
Oggi, la Germania ha riferito di altri 2 nuovi casi di SEU e 48 di STEC non-SEU. Ha anche segnalato di altri due decessi per sindrome emolitico euremica. Per i dettagli del numero di casi per Paese leggi il bollettino dell’Ecdc del 16 giugno.
Il 15 giugno, l’Ecdc ha aggiornato la valutazione del rischio.
Il 10 giugno le autorità tedesche (Federal Institute for Risk Assessment, Federal Office of Consumer Protection and Food safety e Robert Koch Institute) hanno pubblicato una dichiarazione comune (pdf 56 kb) in cui raccomandano di non mangiare germogli crudi. Nel documento si afferma anche che, nella Germania settentrionale, non è più necessario non mangiare cetrioli, pomodori e insalata. Leggi il documento completo (pdf 56 kb).
Il 10 giugno è stato presentato anche il rapporto tecnico Ecdc-Efsa (Autorità europea per la sicurezza alimentare) che fornisce una sintesi sulla prevalenza e incidenza di E. coli produttori di Shiga/Vero-tossine (STEC/VTEC) nell’uomo, nel cibo e negli animali. Particolare attenzione viene data al ceppo STEC O104:H4, che è stato individuato come la causa del focolaio tedesco. Il report analizza i casi segnalati dai Paesi Eu/Efsa attraverso la sorveglianza esistente e i sistemi di monitoraggio Ecdc ed Efsa e paragona le caratteristiche dei ceppi dei primi casi isolati nel focolaio tedesco. Il report conclude affermando che il focolaio di STEC O104:H4 registrato in Germania e in altri Paesi Eu/Eea nelle ultime settimane è, a oggi, il più esteso focolaio di sindrome emolitico uremica e STEC mai registrato al mondo. Leggi il documento completo (pdf 620 kb).
"
 

Riferimento

Leggi l'articolo originale alla pagina:

http://www.epicentro.iss.it/problemi/tossinfezioni/EColi16giu2011.asp

21/6/2011

21/6/2011

Articoli che potrebbero interessarti

Fimp Napoli: migliorano le coperture vaccinali
meteoweb.eu - Migliorano le coperture vaccinali, ma ancora troppi i genitori No Vax.
Influenza record, a settembre è già arrivata
quotidianonet.it - Il ceppo A/H3 del virus è stato isolato su un bimbo di tre anni e mezzo nato in Marocco, approdato in Italia su un gommone dalla Libia.
Mense scolastiche, l'addio ai menù etnici
corriere.it - Linee guida del ministero: spuntini e acqua dal rubinetto. E mai doppie porzioni.
A Roma la prima gravidanza tutta italiana
ilmessaggero.it - È stata ottenuta presso il Centro di Medicina della Riproduzione dell'European Hospital di Roma la prima gravidanza tutta italiana.

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.