benvenuti in Depressione: più rischio se madre ne ha sofferto

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

Depressione: più rischio se madre ne ha sofferto

agi.it - Lo ha scoperto uno studio pubblicato dal Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry.

Leggiamo su "agi.it"

"I ricercatori dell'Universita' di Reading hanno studiato 100 neomamme, tra cui 58 avevano avuto la depressione post parto, valutando la salute del bambino a 18 mesi e a 5, 8, 13 e 16 anni. Dallo studio e' emerso che i figli delle mamme depresse avevano una probabilita' del 41,5 per cento di esserlo anche loro, mentre per gli altri il rischio era del 12,5 per cento. "Il rischio aumentato - hanno scritto gli autori dello studio - mette in luce la necessita' di screening post natali per intervenire precocemente. Dalla ricerca e' emerso anche che un rapporto conflittuale con il partner e ulteriori episodi di depressione anche lontano dalla nascita possono scatenare la depressione nei bambini".
 

Riferimento

Leggi l'articolo originale alla pagina:

http://www.agi.it/salute/notizie/201106201256-hpg-rsa1007-depressione_piu_a_rischio_se_madre_ne_ha_sofferto

21/6/2011

21/6/2011

Articoli che potrebbero interessarti

Vaccini. Corte Costituzionale: Indennizzi anche per danni causati da quelli non obbligatori
quotidianosanita.it - La Consulta ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'articolo 1, comma 1, della legge 25 febbraio 1992.
Prosegue il tour del pediatra nutrizionista sanremese Gianfranco Trapani a bordo dell'ExpoExpress
sanremonews.it - Il dottor Trapani ha tenuto nei giorni scorsi un incontro a Torino sul tema “Onnivora o Vegetale: "l’alimentazione per i bambini a confronto".
Quell’infezione misteriosa che “paralizza” i bambini americani. Già 103 casi in 34 Stati Usa
quotidianosanita.it - Inizia come un banale raffreddore, ma poi provoca una paralisi flaccida persistente di una gamba o di un braccio.
Alterato il legame tra contatto visivo e imitazione dell'espressione
quotidianosanita.it - E' quanto emerge da nuova ricerca pubblicata su Autism Research.

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.