benvenuti in I pranzi in famiglia, senza tv, riducono crisi d'asma nei bimbi

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

I pranzi in famiglia, senza tv, riducono crisi d'asma nei bimbi

agi.it - Lo afferma una ricerca dell'Università dell'Illinois, pubblicata dalla rivista Child Development, nella quale sono state monitorate 200 famiglie.

Leggiamo su:"agi.it"

"Mangiare in famiglia e senza le distrazioni di telefoni e tv diminuisce i sintomi dell'asma nei bambini.
Lo studio ha analizzato i pranzi delle famiglie, tutte con bambini tra i 5 e i 12 anni affetti da forme gravi della malattia respiratoria, che sono stati ripresi da una telecamera. Il tempo medio passato a tavola e' risultato essere di 18 minuti, ma la salute dei bimbi e' risultata legata strettamente alla qualita' di questo tempo: nelle famiglie in cui le interazioni erano migliori la funzionalita' dei polmoni dei pazienti era buona, e anche il numero delle crisi diminuiva, mentre al contrario pasti con pochi dialoghi e interrotti da tv e telefoni erano indice di una salute peggiore."

Riferimento

Leggi l'articolo originale alla pagina:

http://www.agi.it/salute/notizie/201102071154-hpg-rsa1009-i_pranzi_in_famiglia_senza_tv_riducono_crisi_d_asma_nei_bimbi

 

 

8/2/2011

8/2/2011

Articoli che potrebbero interessarti

E’ on line il progetto Gaslini per il pediatra
genova24.it - Un nuovo prodotto multimediale concepito per informare i pediatri italiani sulle molteplici attività svolte dall’Istituto Giannina Gaslini.
No al vaccino anti influenzale tra medici e infermieri
repubblica.it - Mentre parte la campagna autunnale i camici bianchi sono tra le categorie che fanno meno prevenzione: nel 2015 lo ha scelto solo il 15%.
Pediatri lanciano allarme: "Bambini nel mirino degli spacciatori"
ilgiornale.it - I pediatri napoletani sono preoccupati del nuovo fenomeno che interessa sempre più bambini tra i 10 e 14 anni.
Italiani: un popolo di navigatori (web) e (tele)dipendenti: a dirlo è ufficialmente il Censis
tech.fanpage.it - Più della metà della popolazione italiana è su Internet (53,1%), i quotidiani tradizionali perdono il 7% dei lettori tra il 2009 e il 2011.

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.