benvenuti in E la peste creò la sanità pubblica

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

E la peste creò la sanità pubblica

corriere.it - Come le pandemie (vere o presunte) hanno cambiato l'Italia. Un viaggio dal 1348 ai giorni nostri: dinamiche sociali, epidemiologiche e industriali.

Leggiamo su :"corriere.it "

"Lo studio delle pandemie che ciclicamente colpiscono l’Italia e l’Europa mette in luce due aspetti contraddittori. Da un lato, con il correre del tempo la società è riuscita ad approntare armi sempre più efficaci per contenere e sconfiggere il contagio. Dall’altro, a ogni diversa ondata epidemica si ripete una vecchia storia: panico collettivo, ricerca di capri espiatori, approfittatori che guadagnano nuovo denaro e acquisiscono nuovo potere. La storia sociale delle pandemie è un’ottima chiave di lettura della nascita del mondo moderno, in continua oscillazione fra vecchi demoni e nuova razionalità."

 

Riferimento

Leggi l'articolo originale alla pagina: 

http://www.corriere.it/cultura/libri/11_gennaio_03/alfani-melegaro-pandemie-italia_8e1f622e-172d-11e0-b956-00144f02aabc.shtml

 

 

4/1/2011

4/1/2011

Articoli che potrebbero interessarti

I genitori impreparati sottovalutano i virus
corriere.it - Gian Vincenzo Zuccotti è direttore del dipartimento di Pediatria all’ospedale dei Bambini Buzzi: "Più impegno dai pediatri per eliminare i dubbi"
La dieta mediterranea è salutare, ma i bambini la seguono in Svezia e non in Italia
fondazioneserono.org - Al Congresso Europeo dell’Obesità sono stati presentati i risultati di uno studio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.
Dermatite atopica: boom di casi
fimp.org - Secondo gli ultimi dati internazionali sono triplicati i casi di dermatite negli ultimi 20 anni soprattutto nelle aree industrializzate.
Oltre il 90 % degli italiani promuove medici di famiglia e farmacie
clandestinoweb.com - Farmacie, medici di famiglia e pediatri 'promossi' da più di 9 italiani su 10. E' il quadro tracciato dal Censis con la ricerca 'Cittadini

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.