benvenuti in Gravidanza: cellulare nocivo per il feto?

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

Gravidanza: cellulare nocivo per il feto?

onewoman.it - Questa nuova teoria che riguarda anche i neonati nei primissimi mesi di vita, è portata avanti da un un gruppo di studiosi dell'UCLA (Università della California).

Leggiamo su:"onewoman.it"

"Partecipando al programma “Danish National Birth Cohort”, questo vasto gruppo di donne ha segnalato abitudini e comportamenti mantenuti prima e dopo il parto, compresa la quantità di ore passata con il cellulare in mano.
A distanza di sette anni sono stati presi in considerazione i caratteri e le condizione generali dei bambini: ciò che è venuto fuori è abbastanza sconcertante, infatti sembra che i figli delle madri che non hanno limitato l’uso del telefonino durante e subito dopo la gestazione abbiano molte più possibilità di manifestare disturbi comportamentali."


Riferimento

Leggi l'articolo originale alla pagina:

http://www.onewoman.it/13/12/2010/gravidanza-cellulare-nocivo-per-il-feto/

14/12/2010

14/12/2010

Articoli che potrebbero interessarti

Vaccini ed autismo. I pediatri: "Finalmente sentenza fondata sulla scienza contro le false credenze"
quotidianosanita.it - È quanto affermano SIP e FIMP in merito alla decisione della Corte di Appello ha escluso l’esistenza di un nesso tra vaccino e autismo.
Generazione ansiosa, 2 bambini su 3 sempre preoccupati
meteoweb.it - A mettere in luce la fragilità dei nostri bambini è un’indagine britannica, condotta dalla Charity Place2Be su 700 bambini tra i 10 e gli 11 anni.
Le mamme di Roma chiedono la guardia medica pediatrica
corriere.it - La guardia medica pediatrica è ormai una realtà in diverse regioni per assicurare alla fascia d’età 0-13 anni un servizio mirato h24.
Scandalo Sandoz: soldi ai pediatri per somministrare ormoni della crescita ai bambini
articolotre.com - Secondo l’inchiesta condotta dai Nas, il gruppo farmaceutico Sandoz avrebbe pagato dei pediatri affinché prescrivessero alcuni farmaci.

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.