benvenuti in Il pianto dell'unico bambino italiano

Pediatria.it

Condividi

Se l'articolo che stai leggendo ti piace, condividilo anche con altri.

e mail via mail
condividi via facebook

Il pianto dell'unico bambino italiano "Parlano tutti in arabo, non capisco"

milano.repubblica.it - Test fallito in via Paravia. Parlano i genitori di uno dei due piccoli tra 19 stranieri.

Leggiamo su "milano.repubblica.it":

"Loris non vuole andare in classe. "Teniamo a casa nostro figlio e cerchiamo un'altra scuola"
"Ma siamo preoccupati per i bimbi arabi: come impareranno la nostra lingua se restano tra loro? Credevamo in questa scuola nella integrazione, nello scambio di culture. Siamo stati ingenui ma le istituzioni non possono esserlo". A parlare è Giada Zaini, 33 anni. "Lui in quella classe non vuole più andare. Piange, dice che si sente diverso, che i suoi compagni fra loro parlano arabo e lui non capisce". Loris ha 6 anni ed era uno dei due bambini italiani iscritti nell'unica classe prima delle elementari di via Paravia, assieme a 19 compagni stranieri, quasi tutti nordafricani."

 

Riferimento

Leggi l'articolo originale alla pagina:

http://milano.repubblica.it/cronaca/2010/09/19/news/il_pianto_del_bambino_l_unico_milanese_in_classe-7218277/

21/9/2010

21/9/2010

Articoli che potrebbero interessarti

Lavori usuranti, nella lista anche i medici
rassegna.it - La pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto legislativo sui lavori usuranti riconosce anche il lavoro notturno dei medici dipendenti.
Nasce una nuova realtà sindacale in rappresentanza dei pediatri di libera scelta
asca.it - Il Sindacato dei Medici Italiani (Smi) e l'Unione Nazionale Pediatri (Unp) hanno dato vita alla sigla SMI-UNP (Federazione Pediatri).
Niente più corse al pronto soccorso con lo studio del pediatra aperto nel tardo pomeriggio
healthdesk.it - Uno studio inglese ha messo in relazione gli orari di apertura degli ambulatori pediatrici con gli accessi di bambini al pronto soccorso.
I bambini che vanno a letto presto sono più bravi a scuola
agi.it - Lo afferma una ricerca dell'istituto statunitense Sri international.

FocusPediatria aggrega, organizza e rende maggiormente fruibili contenuti provenienti da fonti Blog e Siti web (o Blog o Siti). FocusPediatria, come consuetudine nei motori di ricerca web, nel pieno rispetto del copyright dei contenuti stessi, mostra i contenuti ai propri visitatori solo in forma di titolo e abstract, rimandando i propri visitatori, tramite appositi link, direttamente alla fonte di provenienza del contenuto stesso per la visione integrale dello stesso.
L'inclusione dei tali contenuti in FocusPediatria non comporta l'approvazione o l'avallo nè implica alcuna forma di garanzia da parte di ICP, la quale non effettua alcun tipo di controllo. I contenuti non vengono in alcun modo modificati dal team di FocusPediatria. ICP pertanto non assume alcuna responsabilità, a titolo esemplificativo e non esaustivo, della legalità, veridicità e/o correttezza di tali Contenuti o notizie, o foto o video, nè delle eventuali opinioni, informazioni, pubblicità, di servizi o prodotti a pagamento o meno, ivi presenti o offerti, nè del rispetto dei diritti di proprietà industriale e/o intellettuale o delle norme in materia di protezione dei dati personali, nè risponde della loro eventuale contrarietà all'ordine pubblico, buon costume e/o comunque alla morale.